Siamo tutti santi (o quasi…)

Il calendario di oggi ci ricorda che celebriamo la festa di Ognissanti e quindi offriamo una breve riflessione sul significato di questa parola, santo, che è qualcosa che ci riguarda tutti, indipendentemente dalle nostre convinzioni religiose.

Cercando di riassumere più di 4000 anni di storia, l’antica parola ebraica qds è stata utilizzata nei secoli per identificare tutti gli atti, le abitudini e le regole relative al culto e al rapporto tra l’essere umano e la divinità di Dio.
La cultura greca ha tradotto tutti questi concetti con la parola άγιος (aghios).

I Romani infine, presero dai Greci tutti questi concetti e li adattarono nella parola sanctus, da cui derivano le parole moderne nelle diverse lingue relative alla santità.

Sanctus, dal verbo sancio, significa qualcosa o qualcuno che non si occupa più della dimensione umana, ma di una dimensione spirituale, sovrannaturale.

Mentre nei tempi antichi questo significato era inteso a sottolineare la differenza tra coloro che  erano ammessi al culto mentre gli altri (pagani) ne erano esclusi, è solo dopo il Nuovo Testamento che la parola aumenta il suo potere semantico.

Tutti siamo chiamati a un livello superiore di esistenza e quindi la santità non è più una separazione tra le persone ma una chiamata allo sviluppo, che ci separa sì, ma dalla pigrizia, dall’immobilità di una vita che non cambia mai.

Dal punto di vista della fede, questa è una chiamata di Dio e l’umanità è liberamente invitata a rispondere a questa chiamata convergendo la propria esistenza direzione di questo invito.

Qualcosa che ricorda da vicino alcune abitudini che abbiamo sul tatami. Quando tutto fila liscio, in maniera pulita e addirittura facile: bene, questo avviene proprio quando ci adattiamo al punto di vista degli altri. E’ un’esperienza comune che tutti possono fare.

Ware wa uchu nari, sono integrato nell’Universo … quando mi inchino all’Universo, l’universo si inchina a me.
Da una prospettiva laica, ognuno di noi sente di essere chiamato a un livello più alto di evoluzione e integrazione.
Felice giorno di tutti i santi!

 

Disclaimer Photo by Joshua Davis on Unsplash

   Send article as PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.