Dal “paradoso” al “paradiso” passando attraverso il “paradosso”.

Ogni anno, intorno al plenilunio di primavera ebrei e cristiani celebrano la Pasqua. I primi rivivendo la liberazione dalla schiavitù in Egitto, i secondi commemorando il memoriale della passione, morte e risurrezione di Gesù.

Da qualunque parte si voglia guardare, la Pasqua parla al cuore delle donne e degli uomini di ogni tempo di un passaggio, di una trasformazione, di un cambiamento da una condizione di schiavitù e sofferenza alla libertà.

La narrazione della passione e morte di Gesù è, in fondo, il racconto dell’incapacità dell’essere umano di incontrare la verità e la libertà. La triste resa di fronte ai propri limiti, scegliendo la scorciatoia della rimozione, dell’eliminazione del problema, anziché la necessaria introspezione e il faticoso cambiamento.

Ci fermiamo su tre parole che emergono da questa narrazione nella lingua originale (il Greco antico):

παραδώσω (paradoso, in Greco: consegnare). Giuda consegna Gesù nelle mani di chi lo vuole uccidere. Non riesce a gestire la delusione delle sue aspettative su di lui; non riesce a manipolarne l’insegnamento e la missione; non riesce a conoscere per quello che veramente è colui che, pure, definiva il suo “Maestro”. E allora lo consegna -in Latino: lo “tradisce”.

“Tradire” è proprio questo: consegnare ad altri ciò che è nostro. In altri termini: rinunciare ad “abitare” una relazione, una situazione e lasciarlo fare ad altri.

παράδεισος (paràdeisos in Greco: paradiso). L’uomo, che in Giuda non riconosce “chi” è Gesù, lo incontra quando è crocifisso al suo fianco. “Oggi sarai con me in Paradiso” dice Gesù ad uno dei due condannati che condividono con lui la stessa sorte.

“Paradiso” è questo ritorno alle condizioni iniziali, dove tutto è gratuità e quindi tutto è bellezza armonia, anche quando fuori da questo “giardino recintato”, tutto appare brutto, condannato, morente.

παράδοξον (paràdoxon in Greco: paradosso) è tutto ciò che va contro l’opinione comune. La normale e condivisa esperienza. Niente è più definitivo della morte. Niente di più certo. Nulla è più lacerante del tradimento. Eppure molte donne e molti uomini di ogni tempo e di ogni cultura provano a uniformare la propria vita per fare questo passaggio. Dalla rinuncia a vivere la propria responsabilità alla pienezza. Dal tradimento al paradiso.

Questo è il paradosso dell’annuncio della Pasqua: lo squarcio di luce oltre la definitività della morte. La rinascita nel perdono oltre la ferita e la bruttura di un tradimento. 

Auguri di buona Pasqua!

(“para-dōzo” yoroshiku onegaishimasu). ;D

Andrea & Sara

Disclaimer foto di Jordan Rowland da Unsplash

   Send article as PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.