Side effects

Negli ultimi decenni la medicina e la prevenzione hanno fatto passi da giganti nel contrasto ai tumori. Uno dei problemi però che affliggono i medici è capire come mai spesso, dopo un intervento chirurgico, la malattia si ripresenti. O si diffonda, dopo un periodo di latenza.

Una recente ricerca medica sembra evidenziare come le cellule cancerogene possano sfuggire al sistema immunitario e minare la salute della persona, proprio perché il sistema immunitario è molto occupato a guarire le ferite lasciate sul corpo dall’intervento. I medici sanno che ogni azione ha un effetto collaterale: una menomazione, una cicatrice, un indebolimento…Un rimandare nel tempo -ma non per sempre- quel problema che non si può risolvere.

Si potrebbero fare alcune riflessioni sulla natura sottile della persona e della sua fisicità. Notare come la malattia sia un segnale di un sistema non più capace di rimanere in equilibrio. E come proprio l’intervento per restituire tale equilibrio possa essere visto come un disequilibrio ancora più forte. Che forse il sistema non è in grado di sopportare. O che il sistema recupera reinserendo il male.

Nella vita personale, nelle piccole e grandi cose, nelle relazioni, così come nei rapporti tra le nazioni, esiste sempre un equilibrio. Ed esistono sempre effetti collaterali.
Combatterli? Studiarli? Integrarli?
Certo non ignorarli.

 

Disclaimer Photo by Sharon McCutcheon on Unsplash

 

   Send article as PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.