Intensive training – Un tuffo nel mondo dei professionisti.

Alcune settimane fa il nostro Dojo ha organizzato un intensive training, un allenamento intensivo. In altre parole, una giornata in cui sono state programmate tre lezioni: la prima al mattino presto, la seconda all’ora di pranzo e la terza alla solita ora in cui siamo abituati ad allenarci la sera.

Un totale di cinque ore abbondanti di allenamento, che hanno dato il sapore di essere studenti interni di un Dojo (o uchi deshi). Dando in qualche modo la possibilità di fare esperienza della stessa vita e e dei ritmi di quelle persone  che dedicano la propria esistenza ad una disciplina marziale.

Di seguito tenteremo di descrivere i nostri sentimenti e le nostre sensazioni su questa esperienza non comune.

No free lunch: non si fanno sconti a nessuno

Quella giornata di venerdì è stata organizzata e resa nota con un paio di mesi di anticipo. Siccome volevamo goderci quell’esperienza con ogni comfort e comodità, avevamo preso  nota per tempo in agenda che quel giorno lì non avremmo lavorato e non ci saremmo stati per nessuno, evitando qualsiasi altro impegno. Quando siamo entrati nella settimana dell’evento, sembrava che tutto dovesse essere discusso, deciso, fatto, scritto, firmato, lavorato e che il mondo volesse fare riunione con noi per discutere dei problemi più disparati, dal disarmo nucleare alla fame nel mondo…Proprio quel venerdì.
Quindi la prima lezione che abbiamo imparato è: se vuoi davvero allenarti intensamente, devi armonizzare la formazione extra con gli impegni extra nella tua agenda. Vivere come in una bolla, concentrarsi solo sull’allenamento non è reale.

È semplicemente una proiezione infantile.

Allenarsi è una cosa bellissima, ma non è una vacanza. Richiede un doppio impegno: l’allenamento è qualcosa che deve essere utile e fornire supporto alla vita quotidiana e la vita quotidiana deve essere rafforzata dall’allenamento. Sbilanciare tale meccanismo può essere molto pericoloso.

È stato interessante guidare attraverso la città, arrivare al dojo, allenarsi, togliersi il gi, indossare la cravatta, guidare di nuovo attraverso la città, cambiare scenario, iniziare una riunione, cercare di non addormentarsi e di dire cose sensate… E ripetere questa routine più volte nello stesso giorno. Questo ci ha portato alla comprensione del seguente principio.

Ogni goccia di energia è importante

L’autore latino Seneca, 2000 anni fa scriveva: “Danda est animis remissio“, il che significa che le nostre anime e i nostri sistemi hanno bisogno di un po’ di riposo. Non siamo robot, anche se ci viene chiesto troppo spesso di agire come e peggio di un robot.
Nei fatti, alla fine della settimana, il nostro sistema tende a rilassarsi naturalmente, chiedendoci di rallentare i nostri ritmi. Iniettando nel sistema uno shock di allenamento extra, ogni abitudine viene scossa e il sistema esaurisce facilmente e velocemente l’energia.

Questo è noto e comune. Questo è il motivo per cui i buoni preparatori cambiano spesso gli allenamenti e i programmi ai loro atleti. Puoi “pompare tonnellate di ghisa” ma se non cambi l’esercizio il tuo corpo diventerà debole. Questo vale per tutto il sistema dell’essere umano, non solo a livello muscolare.

Parlando francamente, non ci è voluto molto per capire che ogni piccola, minuscola briciola di forza mentale e fisica sarebbe dovuta essere utilizzata con precisione per uno scopo specifico.

Perdiamo facilmente la capacità di concentrarsi su qualcosa. Siamo distratti. Facciamo sforzi in troppe direzioni, immersi in troppe cose. In una parola, sprechiamo un sacco di energia.

Bene, allenarsi in modo intensivo e essere costretti a concentrarsi quasi contemporaneamente su attività fisiche e attività professionali educa l’individuo al rispetto e alla sacralità dell’energia. La capacità di gestire con precisione l’energia, che è limitata, apre possibilità illimitate. Quando guardiamo con un po’ di invidia quelle persone che hanno raggiunto risultati sorprendenti nelle loro vite, spesso dimentichiamo di pensare alla loro capacità di incanalare le loro energie su ciò che conta davvero. E ogni goccia della nostra essenza conta. E questo porta al prossimo principio.

Quando pensi che sia finita … AHAHAHAHA!

Dopo l’ultima lezione, ci siamo goduti una cena, con i nostri ospiti che si sono uniti a noi da altri dojo. Trascorrere del tempo insieme, seduti davanti a una pizza, è sempre un’esperienza piacevole. Quando hai 16-18 ore di piena attività sulle spalle, il piacere della cena combatte con la stanchezza e una condizione fisica generale che non è così fresca. Dal momento che molti membri della comunità e altri amici si sono uniti alla cena anche per godersi una serata diversa dal solito, molti di loro – che magari non hanno avuto la possibilità di vivere l’allenamento intensivo – erano più freschi di noi. E in effetti, guardando me, una mia amica ha detto: “Oh, ero convinta che fossi più vivace, più frizzante”.

Aveva ragione. Era lì per godersi la serata e la cena con tutti noi. Aveva il diritto di ottenere il meglio da quel momento. Anche da me Quindi, non è mai finita: onorare la pratica non è abbastanza. Né onorare lavoro e pratica. Dobbiamo onorare l’intero contesto. E questo porta al penultimo principio.

Chi sono?

Quando vivi un’esperienza che ti spinge ai confini (e oltre) dei tuoi limiti fisici e mentali, improvvisamente scopri che non sei più in grado di rispondere con precisione a questa domanda.

Nuove abilità e capacità fanno capolino, così come nuovi limiti. Qualcosa accade e dimostra che la “immagine residua del sé” si è modificata, verso una nuova definizione di sé. Scoprirai di essere più forte di quanto credevi e, allo stesso tempo, che le tue routine non sono così efficienti come pensavi: basta aggiungere un ulteriore carico di pressione e il tuo mondo abituale tremerà dalle fondamenta. Armonizzare una pratica vera e attenta con la vita di tutti i giorni richiede uno sforzo supplementare e ti porta a considerare i professionisti da una prospettiva radicalmente nuova. E questo porta all’ultimo pensiero.

Chi è un “professionista”?

Abbiamo la fortuna di allenarci in un Dojo gestito da un maestro che ha scelto l’insegnamento dell’Aikido come sua attività principale, all’interno di una comunità internazionale creata da altri professionisti come lui.
Ma, ancora, chi è un professionista e cos’è che fa di lui un professionista, oltre al fatto che ha scelto quell’attività per la vita?

L’allenamento intensivo – e, immaginiamo, un’ esperienza immersiva e vera come uchi deshi – offre l’opportunità di comprendere chiaramente che ogni tipo di attività può essere insegnata, appresa e vissuta a diversi livelli.

Tuttavia, l’unico livello che può fare la differenza è il livello in cui tutti si impegnano a vivere quell’esperienza nel modo più vero e intenso possibile.

Questo è il livello pro, uno stato di vita in cui il principio ikigai è lo scopo al di sotto di ogni azione, ogni momento.

Questo fa un’enorme differenza tra un professionista e un buon tecnico. A prima vista, possono sembrare simili, quando eseguono una tecnica. È l’intero contorno che fa la differenza. Il professionista è la differenza. E in questo possiamo diventare tutti professionisti.

In conclusione…

Raccomandiamo vivamente di frequentare sessioni di allenamento intensive: forniscono un enorme insieme di vantaggi. Allo stesso tempo, consigliamo vivamente di disporre di un letto comodo e un cuscino morbido. Potrebbero essere utili per capire i segreti nascosti di una disciplina marziale…

   Send article as PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.