Dalla stranezza degli henka alla novità degli shinka… Auguri di Buon Natale!

Siamo arrivati al Natale e alla fine di questo 2020. Un Natale che molti definiscono “diverso”, in un anno così “strano”.

In giapponese, “strano” si traduce generalmente con 変 (henna). Un termine che per chi pratica Aikido è familiare.

Gli henka (o meglio, gli henka waza 変化技), sono delle “variazioni sul tema”. Una volta noto e consolidato il tema principale della pratica, diventa interessante iniziare ad esplorare i territori delle varianti, quando se ne presenti l’occasione.

Esattamente come nella musica, la variazione è un’assunzione di responsabilità ad un livello molto più elevato della “semplice” esecuzione. Basta poco per trasformare l’armonia in cacofonia.

Ma, almeno a Natale, non parliamo di tecnica. Chi avesse voglia di approfondire il discorso, può trovare un bellissimo articolo di Aikime a riguardo.

Qui ci interessa notare come, nella lingua e nella cultura giapponesi, il concetto di “variazione” sia associato all’idea di “strano”. Come se tutto ciò che uscisse dai ferrei binari della norma e dell’abitudine avesse una connotazione non positiva.

Sempre su queste pagine ci eravamo già soffermati su un’analoga situazione. La libertà (jiyu) è vista in contrapposizione con l’armonia, con l’ordine. Non con lo stesso favore positivo di un occidentale, comunque.

Piuttosto, il concetto di evoluzione è reso in giapponese con 新化 (shinka), che ha lo stesso ideogramma presente nell’aggettivo “nuovo” (新しい, atarashii).

Il Natale è quel punto nella Storia che, per tutti, segna il prima e il dopo la venuta di un bambino in una povera stalla in un remoto paesino della Giudea di duemila anni fa.

E’ un evento nuovo, che ha cambiato e rese nuove le prospettive di un mondo che appassiva -che appassisce- nel proprio disperato egoismo, nella corsa ad aver ragione, nel tentativo insensato di sopravvivere dimenticandosi di vivere.

Insieme a Sara auguro a tutti noi di poter vivere i cambiamenti senza l’ansia di voler tornare nel recinto delle nostre certezze, accettando che non ci sarà nessun “back to normal” e che se vogliamo fare nuove tutte le cose intorno a noi, dobbiamo accettare la prospettiva di farsi piccoli per poter evolvere.

Buon Natale e Sereno 2021!

Andrea e Sara

Disclaimer: Foto di Dhivakaran S da Pexels

Grazie a Carolina Ciociola per la paziente opera di educazione e insegnamento della lingua giapponese

   Send article as PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.